Santissimo Sacramento

(197/169) Lunedì 15 luglio 2024
S. Bonaventura
(Festività Patronale S. Rosalia PALERMO)
Estate
00
Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento

Parrocchia del Santissimo Sacramento

Via Angelo Celli, 10

Frascati

Parroco: Don Franz Vicentini

PARROCCHIA SS. SACRAMENTO


  

In questa colonna, su richiesta del Parroco don Franz, ospitiamo temporaneamente le comunicazioni relative alla Parrocchia di San Giuseppe Lavoratore di Cocciano.

Lo stesso Parroco cerca un volontario che si occupi della gestione del sito parrocchiale.

  
PARROCCHIA
SAN GIUSEPPE LAVORATORE
COCCIANO
via Giuseppe Romita, 1
00044 Frascati (RM)
Tel. 06 941 9798
Sante Messe
Giorni feriali: ore 18,00
Giorni festivi: ore 8,00 - 11,00 - 18,00
Lunedì 15 aprile, alle ore 20,00
 è iniziato il corso per fidanzati
ESTATE RAGAZZI

CARITAS DIOCESANA

Via Vittorio Veneto 44

LU - ME - VE  dalle 9,00 alle 12,00

Tel. 06 941 69 73 - 06 940 16 687

 

IL SINODO

"Il Sinodo è un invito a diventare una chiesa sempre più spirituale perché il protagonista di questo cammino è lo Spirito Santo.

C’è bisogno di una chiesa che fa spazio allo Spirito Santo e tutto questo ha un unico obiettivo, quello dell’evangelizzazione.

Se il Santo Padre sta facendo questo appello in modo che tutto il popolo riesca a camminare insieme, bisogna camminare con un unico scopo ovvero quello di annunciare la buona novella e comunicare Gesù al mondo di oggi.

Scopo del Sinodo è parlare di comunione, partecipazione e missione".


Giotto, Presentazione di Gesù al Tempio

 * * *

 














































































news 09/07/2024

PARROCCHIA SS. SACRAMENTO

Via Angelo Celli, 10 -  00044 Frascati - Tel. 069420514
sacram.frascati@gmail.com 
 www.santissimosacramentofrascati.it
 fbAmici Santissimo Sacramento

ORARIO DELLE SANTE MESSE

   Nei giorni festivi le Sante Messe sono celebrate  
      alle ore 9,00 - 10,30 - 12,00 - 18,00
     Nei giorni feriali: ore 7,00 e 18,00  
Nei mesi di luglio e agosto
le Sante Messe festive saranno celebrate
alle ore 9,00 - 11,00 -18,00 
  IL TEMPO ORDINARIO
 
Il tempo Ordinario, iniziato dopo la domenica
 del Battesimo di Gesù e interrotto con
il Mercoledì delle Ceneri, riprende
dopo la domenica di Pentecoste
 e si protrae fino alla domenica di Cristo Re.
La domenica successiva sarà 
la primadomenica di Avvento, quando
l’anno liturgico avrà di nuovo il suo inizio.
Il tempo Ordinario è il tempo della speranza,
dell’ascolto e della testimonianza
nella vita quotidiana.
Il colore liturgico è il verde.

 

        Il “lavoro” nella vita della parrocchia
 
Nei vangeli è scritto che Gesù viene considerato come un modesto lavoratore, appartenente alla famiglia di un falegname, con un tenore di vita modesto, e non certamente quel “profeta” atteso dal popolo di Israele. (cfr. Mc 6,1-6).
Un “Dio falegname” è motivo di scandalo ed i suoi compaesani non accettano tutto questo. In realtà Gesù, il figlio del falegname Giuseppe, è stato per quasi tutta la vita in famiglia, e parliamo di trent’anni, un modesto lavoratore come tanti del suo tempo.
Eppure, il lavoro è manifestazione di dignità, indipendentemente dal lavoro che viene svolto.
Purtroppo, noi siamo sottoposti a delle categorie di giudizio che qualificano la persona in base al suo lavoro, per cui c’è un abisso di considerazione tra il netturbino ed il direttore di banca. Dimentichiamo il valore della persona, indipendentemente dal lavoro che svolge.
Un po’ questo avviene anche nella realtà delle comunità di fede, perché il ministero del sagrista, ed uso il termine ministero per definire un ruolo chiaro all’interno della Chiesa, è sottovalutato rispetto agli altri servizi. Il valore è sempre nella persona, per cui il sagrista o la brava donna che pulisce in chiesa o aggiusta i fiori svolge un “ministero”, cioè risponde ad un mandato ed anche ad un carisma.
Non so quando arriveremo a comprendere che siamo prima di tutto “battezzati” e quindi viviamo una appartenenza alla Chiesa in quanto figli di Dio, ed è questa una figliolanza confermata dal Sacramento del battessimo.
Segue nella vita della Chiesa lo svolgimento di un ministero, diverso per dono di Dio, per cui c’è chi svolge il ministero sacerdotale o diaconale, oppure il lettore o il corista, il sagrista o la religiosa, la catechista o l’insegnante di religione.
Tanti altri ancora possono essere i ministeri, ma tutti rispondono ad un carisma che viene da Dio, cioè ad una chiamata del Signore, che bisogna saper cogliere nella propria vita interiore.
Un fedele che vuole svolgere un ministero nella propria parrocchia deve prima di tutto nel silenzio della preghiera invocare lo Spirito Santo ed essere illuminato sul carisma che ha ricevuto. Il ministero o lavoro da svolgere nella vita di una parrocchia è il frutto di un carisma e di un dono di Dio.
Se un fedele va dal parroco e chiede di collaborare in parrocchia, la risposta del parroco, grato per la disponibilità, è una sola: prega il buon Dio perché ti faccia comprendere cosa è bene che tu faccia per la comunità e quindi manifestare il carisma ricevuto.
Alla domanda “cosa fai in parrocchia?” la risposta può essere una sola: svolgo un ministero, quello che il buon Dio mi ha fatto scoprire con il dono del carisma.
Un giorno comprendere come la vita della parrocchia è un insieme di carismi che diventano ministeri per servire la comunità.
 
LETTERA DEL VESCOVO STEFANO 
SULL'ASSEMBLEA SINODALE DIOCESANA