Santissimo Sacramento

(295/70) Venerdì 22 ottobre 2021
S. Donato
Autunno
35337
Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento Santissimo Sacramento

Parrocchia del Santissimo Sacramento

Via Angelo Celli, 10

Frascati

Parroco: Don Franz Vicentini

PARROCCHIA SS. SACRAMENTO

Via Angelo Celli, 10 00044 Frascati
Tel. 069420514
sacram.frascati@gmail.com


ORARIO DELLE SANTE MESSE

Nei giorni festivi: ore 9,00 - 10,30 - 12,00 - 17,30

Nei giorni feriali: ore 7,00 - 17,30

  * * *
Da venerd├Č 1 ottobre
la Messa Vespertina
viene celebrata alle 17,30
                      
  * * *

 * * *

DUE IMPORTANTI INIZIATIVE A LIVELLO DIOCESANO
 
 promosse dal Vescovo via "internet-streaming"
e in forma gratuita  

da ottobre 2021 a giugno 2022   

(Vedi nella colonna accanto)

 * * *

CARITAS DIOCESANA

Via Vittorio Veneto 44

LU - ME - VE

dalle 9,00 alle 12,00

Tel. 06 941 69 73

        06 940 16 687

 * * *

 















































































news 20/10/2021

PARROCCHIA SS. SACRAMENTO

Via Angelo Celli, 10 -  00044 Frascati - Tel. 069420514
sacram.frascati@gmail.com 
 www.santissimosacramentofrascati.it
 fbAmici Santissimo Sacramento

ORARIO DELLE SANTE MESSE

   Nei giorni festivi le Sante Messe sono celebrate 
      alle ore 9,00 - 10,30 - 12,00 - 17,30

    Nei giorni feriali: ore 7,00 e 17,30 
  
                                  

 OTTOBRE

 MESE MISSIONARIO 

Giovedì 21 ottobre
ore 20,00
Rosario missionario

Sono aperte le iscrizioni per il
NUOVO ANNO CATECHISTICO
Rivolgersi alle Catechiste
I nuovi iscritti si possono
rivolgersi ai Sacerdoti in Sacrestia

 

PARROCCHIA
SAN GIUSEPPE LAVORATORE 
 COCCIANO

NELLA SOLENNITÀ DI TUTTI I SANTI
1° NOVEMBRE 2021
CELEBRAZIONE DI CHIUSURA
DELL’ANNO DI SAN GIUSEPPE

ORE 9,30:
processione dalla Parrocchia con la statua di S. Giuseppe per le vie di Cocciano e ritorno in Parrocchia

Ore 11,00:
Santa Messa solenne

***

Preghiamo, meditiamo insieme e festeggiamo il patrono della comunità parrocchiale in questo evento unico che è stato l’anno di
San Giuseppe dal cui esempio dobbiamo imparare l’arte della custodia.                                                                                       Don Franz

 

 

SINODO 2021-2023

Domenica 17 ottobre 2021 ore 19,00
in Cattedrale S. Pietro Apostolo di Frascati.
 
APERTURA DEL SINODO DIOCESANO

Come sapete sta per iniziare un processo sinodale, un cammino in cui tutta la Chiesa si trova impegnata intorno al tema: «Per un Chiesa sinodale: comunione, partecipazione, missione»: tre pilastri. Sono previste tre fasi, che si svolgeranno tra ottobre 2021 e ottobre 2023. Questo itinerario è stato pensato come dinamismo di ascolto reciproco, voglio sottolineare questo: un dinamismo di ascolto reciproco, condotto a tutti i livelli di Chiesa, coinvolgendo tutto il popolo di Dio.

Il Cardinale vicario e i Vescovi ausiliari devono ascoltarsi, i preti devono ascoltarsi,  religiosi devono ascoltarsi, i laici devono ascoltarsi. E poi, inter-ascoltarsi tutti. Ascoltarsi; parlarsi e ascoltarsi.
Non si tratta di raccogliere opinioni, no. Non è un’inchiesta, questa; ma si tratta di ascoltare lo Spirito Santo, come troviamo nel libro dell’Apocalisse:
«Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese» (2,7).
Avere orecchi, ascoltare, è il primo impegno. Si tratta di sentire la voce di Dio, cogliere la sua presenza, intercettare il suo passaggio e soffio di vita. Capitò al profeta Elia di scoprire che Dio è sempre un Dio delle sorprese, anche nel modo in cui passa e si fa sentire:
«Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce […], ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento, un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo il terremoto, un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera. Come l’udì, Elia si coprì il volto con il mantello» (1Re 19, 11-13).
Ecco come ci parla Dio. Ed è per questa “brezza leggera” – che gli esegeti traducono anche “voce sottile di silenzio” e qualcun altro “un filo di silenzio sonoro” – che dobbiamo rendere pronte le nostre orecchie, per sentire questa brezza di Dio.
 
 
Carissimi parrocchiani, 
Una mia riflessione per un momento di discernimento e di crescita spirituale in vista anche di un SINODO che inizieremo in Diocesi nella celebrazione di domenica 17 ottobre 2021 ore 19 in Cattedrale S. Pietro Apostolo di Frascati.
Talvolta nella chiesa o nelle comunità mancano i presupposti per vivere nella comunione ecclesiale – il sensum ecclesiae – si è molto lontani, da quello che vive la Chiesa e in quello che la Chiesa insegna e propone al popolo di Dio in cammino oggi. 
Non si può prendere solo quello che ci va.
Si cita spesso Papa Francesco d'accordissimo.... guai se non fosse così!
Due encicliche sociali sono importanti del pensiero sulla contemporaneità:
Laudato si’ e Fratelli tutti. La prima attenta al creato e la seconda alla fraternità e alla pace.
Il messaggio di Papa Francesco ha svelato – fatto non secondario – che la fonte ecclesiale non si è essiccata.
Il messaggio può piacere o no. Può essere accolto, respinto o ignorato.
Ma esiste. A partire da tale "fonte", si può vivere, operare rinnovare e soprattutto sperare.
Francesco, in Fratelli tutti, nota la povertà di visioni, di progetti e di pensiero in cui si muove il mondo contemporaneo: "Un modo efficace di dissolvere la coscienza storica, il pensiero critico, l'impegno per la giustizia e i percorsi d'integrazione e quello di svuotare il senso o alterare grandi parole”.
Cosa significano oggi alcune espressioni come democrazia, libertà, giustizia, unità? Si è chiesto Papa Francesco.
Il Magistero di Papa Francesco si rifà al Vangelo letto in modo francescano.
La storia, i suoi dolori, le sue attese, sono assunte in una prospettiva ben al di là del discorso politico o sociale.
Il suo cristianesimo parla della ideologia di ogni giorno, non "ingabbiato" o " chiuso" nel terreno come un'ideologia di redenzione sociale.
La redenzione non è sociale ma ha una chiara dimensione ecclesiale cristologica ed escatologica.
Vi invito a leggere e rileggere il documento conciliare del Vaticano II, la Gaudium et spes, che postulava la CONDIVISIONE da parte dei cristiani nelle "gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini di oggi, dei poveri soprattutto di coloro che soffrono".
Vi lascio con una frase di Tillich.
“La Chiesa è lo "scrigno prezioso" da ripartire costantemente per vivere davvero questa storia profana cui Dio è tutt'altro che estraneo, senza restare sotto lo scacco dell'indifferenza o dell'irrilevanza”.
“SIGNORE, salvami dall'indifferenza, da questa anonimia di uomo adulto.
È il male di cui soffriamo senza averne coscienza e ci toglie la poesia della fede.
SIGNORE, salvami dal colore grigio dell'uomo adulto e fa' che tutto il popolo sia liberato da questa senilità dello spirito. Ridonaci la capacità di piangere e di gioire, fa' che il popolo ritorni a cantare nelle tue chiese". (David M. Turoldo, Il sapore del pane, Ed. San Paolo,2002)
Cari fratelli in Cristo, guardare alla comunità diocesana, alle nostre due comunità parrocchiali. 
Un popolo di Dio in cammino che torna a cantare nelle chiese e che ritrova nella crisi la capacità di gioire e di piangere non sta più nel cono d'ombra del tramonto, ma si sveglia alla fragile luce dell'aurora del giorno futuro. Chi crede sa che la storia dei credenti non è solo propria, ma è animata dallo Spirito. E poi tutto può cambiare! 
La storia è piena di sorprese, che sono doni e nello stesso tempo, realizzazioni umane, frutto delle correnti profonde che abitano la vicenda di tutti i popoli del mondo.
I valori sono valori e basta, non posso dire che tra le dita di una mano ve ne sia una meno utile di un'altra.
Per questo non capisco in che senso vi possano essere valori negoziabili.
Vi auguro un servizio partecipativo.
Vi auguro un servizio attento all'ascolto del volto umano che bussa alla porta del nostro cuore.
Vi auguro un servizio di missione in Cristo Maestro nella centralità in Gesù Eucaristia – Fonte e culmine di tutta la nostra vita cristiana.
Buon cammino Sinodale. 
Don Franz Vicentini 
Parroco Chiesa Santissimo Sacramento FRASCATI – S. Giuseppe Lavoratore COCCIANO.
 

CARITAS PARROCCHIALE

  Nella terza Domenica di settembre sono state raccolte offerte 
per € 415 da destinare alla caritas parrocchiale.
Un grazie di cuore a tutta la comunità del SS.Sacramento 
che non dimentica chi è in difficoltà.

PERCORSO PASTORALE TRIENNALE
2019 - 2022
per riscoprire la S. Messa, mistero della fede da accogliere,
celebrare, adorare e vivere quotidianamente
 
Signore Gesù, grazie
perché ti sei fatto riconoscere
nello spezzare il pane.

    IL TEMPO ORDINARIO

Il tempo Ordinario inizia dopo la domenica del Battesimo di Gesù e si interrompe con il Mercoledì delle Ceneri, per riprendere dopo la domenica di Pentecoste e protrarsi fino alla domenica di Cristo Re.
La domenica successiva sarà ancora la prima domenica di Avvento, quando l’anno liturgico avrà di nuovo il suo inizio.
Il tempo Ordinario è il tempo della speranza, dell’ascolto e della testimonianza nella vita quotidiana.
Il colore liturgico è il verde. 
  

APPELLO AL CUORE

Il coronavirus ha provocato seri problemi anche economici alle famiglie della nostra Parrocchia che non riescono a far fronte al pagamento di utenze.  
Intanto, gli aiuti che pervengono sono man mano diminuiti e non ci consentono i consueti aiuti alle famiglie ed ai singoli. 
Occorre l'aiuto di tutti per far fronte a questa emergenza e chiedo, quindi, a voi, cari amici parrocchiani di contribuire in base alle possibilità di ciascuno per sovvenire alle necessità materiali dei parrocchiani in difficoltà.   
Papa Francesco insiste sulla fraternità e l'amicizia sociale e ci ricorda che nessuno deve rimanere escluso. Bisogna condividere il pane per moltiplicare la speranza. 
La tua offerta può essere fatta con bonifico bancario o direttamente al Parroco.
Parrocchia del Santissimo Sacramento  
IBAN: IT 37 K 05696 39100 00000 2980X42  
N.B.: L'offerta può essere detratta dalle tasse
Un grazie a tutti. 
Insieme possiamo superare questo momento.
Vi benedico.
                                    Don Franz